Nuove professioni nel settore viaggi

L’esplosione del Web impone nuove figure professionali. Tra le più richieste: Destination Manager e Web Marketing Specialist.

L

’avvento delle nuove tecnologie ha avuto un impatto notevole anche sul settore viaggi. Chi si appresta a scegliere la destinazione di un viaggio prende tutte le informazioni necessarie sul web.

Si informa sugli itinerari. Vuole sapere dove dormire o dove mangiare. Oppure cosa vedere o cosa fare. Bastano uno smartphone e una connessione Internet per avere tutte le informazioni di cui si ha bisogno.

Comprese le indicazioni per raggiungere una località e l’hotel che si è appena prenotato. Naturalmente con un semplice click sui portali di prenotazione.
Ovviamente questo nuovo modo di fare turismo influenza anche chi propone destinazioni e strutture alberghiere e ricettive.

La mission: come intercettare i viaggiatori del nuovo Millennio.

millennials-selfie-viaggi-turismo

Per intercettare i nuovi viaggiatori – in primis Millennials e Generazione Z – bisogna essere ben visibili sui web e sui social.
Bisogna sapersi posizionare in alto sui motori di ricerca. Oltre che curare gli aspetti legati alla geolocalizzazione, in modo che il potenziale cliente arrivi a destinazione.

Per non parlare della cura della Brand Reputation. Al giorno d’oggi una recensione su Facebook, TripAdvisor o Booking può esaltarti o stroncarti in un attimo. Potere delle nuove tecnologie.

Sono davvero lontani i tempi in cui bastava una brochure ben fatta o una pubblicità ammaliante per attirare
clienti. Ormai sono un lontano ricordo i tempi in cui era l’amico a dirti dove mangiare o dove dormire.

Il web tende una mano alle località meno note.

Oggi il passaparola corre sul web. Ma sarebbe un errore temerlo. Al contrario, i cambiamenti in atto possono generare grandi opportunità.
Proponendo esperienze o qualche particolarità di nicchia si possono valorizzare destinazioni che fino a qualche anno fa era distanti anni luce dal concetto di turismo.

Ma, detto in tutta onestà, ce lo vedete un albergatore vecchio stampo ad armeggiare da mattina a sera sul pc per promuovere la sua struttura?
Pur volendo, non avrebbe il tempo necessario. Né le conoscenze basilari per occuparsi di ottimizzazioni SEO e quant’altro.

Analogo discorso per chi ha sempre promosso destinazioni o venduto viaggio con tecniche ormai obsolete.
Ebbene: cosa fare per restare sul mercato?
Quali sono gli accorgimenti per restare o diventare competitivi. Come si può promuovere una destinazione dimenticata da Dio e dal mondo?

Nuove professioni: l’importanza della formazione.

La risposta c’è. Ed è quella di affidarsi a veri esperti della materia.

L’evoluzione del web ha creato tante nuove professioni anche nel settore turistico.
Ma naturalmente l’improvvisazione è bandita. Per eccellere è fondamentale essere preparati. Non basta di certo saper creare un sito – magari preconfezionato – per considerarsi esperti.

Le nuove professioni richiedono grandi conoscenze e competenze. In altre parole bisogna formarsi. Senza un’adeguata formazione è impensabile proporsi sul mercato del lavoro.

La mancanza di risultati stroncherebbe in un batter d’occhio la carriera di un sedicente SEO Specialist o di un Destination Manager all’amatriciana.
Non a caso, di pari passo con lo sviluppo di un nuovo modo di fare turismo, sono nati percorsi formativi ad hoc.
Corsi e Master nel settore viaggi o dell’ospitalità alberghiera crescono come funghi. A maggior ragione perché il settore continua a essere caratterizzato da una costante evoluzione.

I Master in Destination Management.

Quello che vanno per la maggiore, in questo segmento, sono i Master in Destination Management. Anzi, per essere più al passo con i tempi, è meglio parlare di Destination Management 2.0.

Consentono per l’appunto di progettare, promuovere e commercializzare pacchetti turistici completi. Puntando in particolare sul turismo di nicchia.
Turismo enogastronomico, turismo sostenibile, cicloturismo: sono solo alcune delle proposte per essere in sintonia con la domanda di turismo proveniente dai viaggiatori del nuovo millennio. Che amano soprattutto fare esperienze nuove. E vivere emozioni.

Un master di questa portata apre sbocchi lavorativi interessanti. Si spazia dai tour operator e alle agenzie che si occupano di web marketing turistico, dagli enti turistici alle attività di consulenza.

I Master in Web Marketing Turistico.

Restando in tema di viaggi e hospitality, riscuotono particolare interesse anche i Master in Web Marketing Turistico.
Imperniati sulla comunicazione online, permettono di acquisire strumenti e strategie per una gestione efficace dei siti web e soprattutto dei canali social.
Ossia una vera e propria piazza virtuale in cui incontrare un numero enorme di potenziali clienti-viaggiatori.

Web Strategy, Brand Reputation, Booking, Online Distribution, gestione delle OTA (Online Travel Agency), Advertising Online, ottimizzazioni SEO, Web Analytics e Social Media Marketing sono solo alcune delle discipline oggetto di studio e approfondimento.

I Travel Blogger.

travel-blogger

Oltre a diventare esperti di Web Marketing Turistico e Comunicazione Turistica – e dei vari aspetti legati alla commercializzazione e alla vendita – percorsi formativi come questo permettono di diventare Travel Blogger.

Proprio grazie al bagaglio di competenze acquisite. Comprese quelle relative al Content Marketing. Anche quella del travel blogger, infatti, può diventare una professione redditizia.

Il Visual Storytelling.

Ma le nuove figure professionali legate al settore viaggi non si esauriscono qui. Molto richieste, ad esempio, le collaborazioni degli specialisti in Visual Storytelling.

Una forma di comunicazione indubbiamente innovativa. Che permette di trasmettere in modo immediato e accattivante l’immagine di una destinazione turistica o di una struttura alberghiero-ricettiva.

Percorsi formativi del genere permettono di acquisire le competenze basilari di Visual Marketing. Di conoscere a fondo gli strumenti di video e foto sharing.
Per poi creare canali video su YouTube o canali di foto sharing su Instagram o altri social. Al tempo stesso si impara a ottimizzare, utilizzare e distribuire i contenuti.

I corsi di fotografia.

Molto seguiti anche i corsi o seminari dedicati alla fotografia. Del resto chi viaggia, tra un selfie e l’altro, ama immortalare le bellezze e le peculiarità dei luoghi.
In molti non si accontentano più dei pur sempre più efficienti smartphone. I nuovi viaggiatori portano con sé macchine fotografiche dalle performance straordinarie.
Saperle usare con criterio permette di ottenere prodotti eccellenti. Che possono tornare utilissimi in chiave di promozione turistica. In altre parole,un hobby può diventare una vera professione.

Ma alla base deve esserci sempre una buona formazione. Oltre che il desiderio di aggiornarsi costantemente, come si percepisce chiaramente sbirciando siti del calibro di FormazioneTurismo.com.

I consulenti viaggi online.

Tra le nuove professioni ce n’è un’altra che comincia a farsi largo nel settore travel. Ed è quella del consulente viaggi online.

Una valida alternativa alle agenzie di viaggio tradizionali. A maggior ragione perché permette di abbattere i costi fissi che occorrono per tenere aperta un’agenzia di strada.
I corsi dedicati a questa professione non si contano. Ma sono ancora più incisivi quelli proposti dai grandi network del settore.
Poiché inseriscono gli aspiranti consulenti viaggi online nella loro rete. Mettendo a disposizione strumenti,strategie e conoscenze che facilitano al massimo l’attività lavorativa.

I Revenue Manager.

Tra le nuove professioni merita una segnalazione anche quella del Revenue Manager.
Un’altra professione, questa, che gioca le sue carte essenzialmente sul terreno del web. Detto in estrema sintesi, consente agli hotel di incrementare i propri ricavi. Al tempo stesso aiuta a far crescere le destinazioni turistiche.

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contattaci

Ti risponderemo al più presto.

Non si legge? Cambia testo. captcha txt
grand-canyon-arizona-usa-amiciziastudenti-viaggio-usa
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: