Come organizzare il viaggio in Giappone

Inizia la strada verso il Paese del Sol Levante.

  • 00 giorni
  • 00 ore
  • 00 minuti
  • 00 secondi
O

ggi è un gran giorno. Abbiamo acquistato i biglietti aerei per il nostro prossimo viaggio estivo, andremo in Giappone!
Passeremo circa 15 giorni nel Paese del Sol Levante ad agosto 2019 e l’itinerario è tutto da organizzare.

Abbiamo quindi bisogno del vostro aiuto:

  • cosa vedere in Giappone (Tokyo, Kyoto, ecc…)
  • dove dormire
  • dove mangiare un buon sushi
  • come muoversi in Giappone
  • varie ed eventuali

Insomma, per qualunque informazione, consiglio, suggerimento vogliate darci, lasciate un commento. Potrà essere di aiuto anche a qualche altro viaggiatore che abbia intenzione di intraprendere questa avventura.

Come organizzeremo il viaggio in Giappone?

come-trovare-volo

In base alla nostra esperienza, seguiamo ormai uno schema ricorrente tutte le volte che iniziamo a pianificare un viaggio. Si comincia con l’individuare il periodo migliore per visitare il paese stesso in base alla stagione, al clima o più banalmente alla nostra disponibilità di ferie.

Facciamo una ricerca sui prezzi migliori per date flessibili, e solo dopo aver confrontato i prezzi su vari motori di ricerca specializzati, acquistiamo il nostro biglietto. Facendolo con largo anticipo si risparmia moltissimo.

Creiamo un nuovo file .xls che ci accompagnerà per tutto il viaggio e sul quale annoteremo le tappe che intendiamo fare, il metodo di spostamento con relativi costi, i posti in cui dormiremo, il numero di km giornalieri, eventi particolari da non perdere, numeri di prenotazione, link a siti interessanti…e tutto ma proprio tutto quanto potrà esserci utile.

Questo file verrà aggiornato di frequente e modificato in base alle nostre esigenze che potrebbero cambiare nel periodo di tempo che ci separa dalla partenza, ma alla fine rappresenterà una traccia preziosissima che permetterà di ottimizzare costi e tempi, diluire i pagamenti, limitare gli imprevisti e goderci al meglio la vacanza.

Viaggio “fai da te”: l’attesa del piacere non è essa stessa il piacere?

Abbiamo sempre organizzato da soli i nostri viaggi. Marocco, Turchia, Egitto, Irlanda, fino al nostro ultimo viaggio negli USA.
I vantaggi di una vacanza in cui siete voi a pensare a tutto sono molteplici.

In primis bisogna considerare che viaggiare in completa autonomia è molto più economico che farlo appoggiandosi a un’agenzia di viaggio. Oltre che da un punto di vista economico, potete beneficiare di una libertà altrimenti impossibile. Infatti, siete voi a decidere quando, dove e come partire.

Non dimenticate poi che avete la possibilità di scegliere l’itinerario che preferite, in base ai vostri reali interessi, senza dipendere dalle decisioni di altre persone. Se non avete mai avuto modo di godere dell’indipendenza tipica di un vero viaggiatore, non potete ancora dire di aver vissuto una vera vacanza.

Turista fai da te? Assolutamente sì.

Organizzare un viaggio fai da te è soprattutto una cosa che ci piace tanto quanto fare il viaggio stesso. Non è semplice, bisogna investire del tempo, raccogliere quante più informazioni possibili e, se come nel nostro caso viaggiate con bambini piccoli e avete un budget limitato, studiare meticolosamente tutti gli spostamenti.

Vi scoprirete a ritagliarvi minuti preziosi per scandagliare il web in cerca di informazioni utili, a crogiolarvi all’idea di essere lì in un posto che avete tanto a lungo desiderato visitare, e ad ogni prenotazione di pernottamento vi sentirete più felici e più vicini alla meta.

Vi ritroverete con lo sguardo sognante a scaricare foto di quei luoghi lontani e vi riderà il cuore quando penserete che non è più solo un sogno. Il tempo che impiegherete a pianificare il vostro viaggio sarà un tempo prezioso, un piacere sottile. Alla fine la soddisfazione sarà enorme.

Showing 2 comments
  • Antonio
    Rispondi

    Ciao…il mio primissimo consiglio è farsi una solida base di programmazione, è poi farsi guidare dalle passioni, per forza soggettive…la migliore guida in assoluto del Giappone che ho trovato è http://www.marcotogni.it
    …scaricati la sua guida (inspiegabilmente, data l’utilità e l’accuratezza, gratuita…) perchè è davvero un vangelo…cartine comprese…io l’ho sperimentata in prima persona, non ne ha sbagliata davvero una…ed è una lettura piacevole…fidati, leggiti quella e sai già metà di quello che ci sarà da fare…😉😉

  • Ambra
    Rispondi

    Santuario shintoista Fushimi Inari! Assolutamente da vedere 😉
    anche se un pò fuori città è molto semplice da raggiungere, prendendo il treno JR alla stazione di Kyoto: http://valigiaaduepiazze.ilgiornale.it/2015/01/giappone-i-torii-rossi-del-santuario-di-fushimi-inari/

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contattaci

Ti risponderemo al più presto.

Non si legge? Cambia testo. captcha txt
viaggio-in-israele
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: